2017 - EVENTI

Pannolino problema o risorsa? Se ne parla a Ecomondo con Sartori Ambiente

GIOVEDI 9 novembre alle ore 15:30 c/o la Fiera Ecomondo 2016 di Rimini, nel padiglione A4 –

Spazio Provincia Autonoma di Trento – nell’area soppalcata avrà luogo il seguente evento organizzato dal gruppo Sartori Ambiente:

Leggi tutto: Pannolino problema o risorsa? Se ne parla a Ecomondo con Sartori Ambiente

A Ecomondo IPPR con Legambiente per parlare di rifuti marini

I rifiuti marini stanno diventando un serio problema per il Mediterraneo, una minaccia sia per gli ecosistemi che lo caratterizzano sia per l’economia delle popolazioni che da esso dipendono. Un problema esacerbato dagli scambi limitati del bacino con gli altri oceani, dall’elevata densità abitativa delle sue coste con un turismo molto sviluppato, e dal passaggio del 30% del traffico marittimo mondiale, come dichiarato dall’UNEP nel 2015.

Leggi tutto: A Ecomondo IPPR con Legambiente per parlare di rifuti marini

Comuni Ricicloni 2017, IPPR premia i migliori contributi al GPP

IPPR - Istituto per la Promozione della Plastica da Riciclo è stato istituito nel 2004, per volontà di Unionplast (che in Confindustria rappresenta i trasformatori), PlasticsEurope Italia (produttori di materie prime) e COREPLA (Consorzio nazionale per il recupero degli imballaggi in plastica, afferente a CONAI). Solo un anno prima il Ministero dell'Ambiente introduceva il Green Public Procurement. Oggi nell'ambito di Comuni Ricicloni 2017, iniziativa di Legambiente, IPPR ha premiato le amministrazioni che nel corso del 2016 si sono distinte per l’impegno nella realizzazione di politiche GPP. I comuni premiati sono Padova e Castelfranco di Sotto (PI).

 

Il Comune di Padova da anni ha messo in campo il progetto "Padova Acquista Verde". L'obiettivo dell'iniziativa è migliorare la gestione e il risparmio delle risorse. Inoltre, l'amministrazione veneta ha lavorato anche per ridurre i rifiuti e introdurre nei bandi di gara della Pubblica Amministrazione dei criteri socio-ambientali, nonché promuovere il controllo della qualità dei servizi forniti.

 

Per diffondere questi principi, il Comune di Padova ha investito nella formazione e nella comunicazione rivolta ai cittadini. Inoltre, con l'obiettivo di misurare spese ed esiti degli acquisti verdi, il GPP è stato integrato nella contabilità ambientale.

 

Anche il Comune di Castelfranco di Sotto ha investito molto nel suo percorso di sostenibilità ambientale. In primo luogo sono state riqualificate tre aree verdi, a cui sono stati aggiunti giochi, bacheche, staccionate e panchine in Plasmix, una miscela di plastica riciclata certificata Plastica Seconda Vita.

 

Inoltre, sono state acquistate 500 biocompostiere PSV per promuovere fra i cittadini il compostaggio domestico. La raccolta differenziata nel comune toscano ha raggiunto l'80% e il riciclo del materiale raccolto è rimesso in circolo sotto forma di arredi urbani. Anche a Castelfranco di Sotto sono stati avviati percorsi di formazione per grandi e piccini, in un percorso di educazione all'ambiente che valorizza e racconta la seconda vita della plastica.

 

“Gli acquisti verdi permettono di dare un senso alle raccolte differenziate e all’economia circolare - spiega Maria Cristina Poggesi, Segretario di IPPR -. Il nostro Istituto si è sempre posto nel ruolo di facilitatore, fornendo strumenti come Plastica Seconda Vita. la certificazione sul contenuto di plastica riciclata riconosciuta da Accredia che permette di riconoscere i beni che soddisfano i Criteri Ambientali Minimi e la formazione gratuita per gli Enti Pubblici, attraverso la sponsorizzazione del progetto 400oreGPP. Infatti, è importantissimo appoggiare le stazioni appaltanti affinché siano in grado di costruire politiche integrate e ragionate sul Green Public Procurement (che oggi è obbligatorio e trova fondamento nel Codice degli appalti) e sulla sostenibilità in generale, e non si fermino a singoli acquisti, pur meritevoli di attenzione.”

 

24 maggio, Verona: Convengo plastiche da riciclo – perché il valore conta

Dal 23 al 25 maggio si terrà a Verona la ventitreesima edizione della fiera internazionale della pulizia professionale, PULIRE.

La più grande fiera in Italia della pulizia professionale, che ospita un’offerta merceologica completa di macchine, prodotti chimici, attrezzature e componentistica per la pulizia professionale e l’igiene degli ambienti. 30 anni di storia al servizio degli operatori fanno di Pulire la seconda manifestazione in Europa per importanza e dimensioni e una delle più importanti a livello mondiale.

I più grandi gruppi internazionali, le aziende leader di settore, le soluzioni più innovative. Tutto al servizio degli operatori del pulito.

Presso lo stand di Afidamp, mercoledì 24 maggio alle ore 17 IPPR e COREPLA presenteranno alle aziende del settore i risultati dello studio sul mercato delle plastiche riciclate: le tipologie, le quantità in gioco, la qualità che da sempre distingue i materiali riciclati in Italia e le modalità per ottenere il marchio Plastica Seconda Vita.

I temi che verranno trattati sono:

  • Plastica riciclata: quantità, qualità, settori di impiego (Corepla, relatore Davide Pollon)
  • Il marchio Plastica Seconda Vita come strumento di valorizzazione di manufatti e imballaggi  (IPPR , relatore Maria Cristina Poggesi)
  • Case history: l’esperienza di un riciclatore (Breplast, relatore Marco Musselli).

Un’occasione per fare luce sulle possibili fonti di approvvigionamento di materie prime seconde per la produzione di imballaggi e manufatti conformi al CAM  sanificazione e pulizia.

 

Ricordiamo infatti che il Decreto Ministeriale relativo ai Criteri Ambientali Minimi (CAM) per il servizio di  sanificazione per le strutture sanitarie e la fornitura di prodotti detergenti, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 262 (Serie Generale) del 9/11/2016 dà, ancora una volta, spazio ai prodotti in plastica riciclata:

  • I carrelli per la pulizia (par. 4.4.4  “Prodotti ausiliari per l’igiene”, come clausola contrattuale) dovranno avere secchi in plastica riciclata (almeno il 50% ) di colori diversi a seconda della destinazione d’uso. Plastica Seconda Vita è strumento di presunzione di conformità a tale requisito (il decreto richiama infatti i criteri di verifica individuati nel CAM arredo urbano);
  • Gli imballaggi primari riutilizzabili (par. 5.1.8 e 5.2.8 “Requisiti dell’imballaggio” come criteri ambientali minimi dei detergenti per pulizie ordinarie e straordinarie) dovranno avere un contenuto di plastica riciclata pari ad almeno il 30%. Tale criterio sarà opzionale fino al 9 novembre 2017, successivamente sarà obbligatorio. Plastica Seconda Vita è criterio di verifica di tale requisito in quanto certificazione di parte terza conforme alla norma UNI EN ISO 14201.

 

IPPR sarà inoltre presente per tutta la durata della manifestazione con un proprio spazio presso il Padiglione .Gall.2/3 stand 4

18 maggio, Ravenna: Convegno Progetto Life Replace

A Ravenna, dal 17 al 19 maggio 2017 si terrà la decima edizione di “Fare i conti con l’ambiente”, l’evento sui rifiuti, acqua, energia. Tre giorni di incontri, di formazione e informazione, di approfondimenti e conoscenza sulle nuove tecnologie e sui processi industriali.

 

In questo contesto IPPR parteciperà, nella mattinata di giovedì 18 maggio al convegno “PLASTICA NON DA IMBALLAGGIO NEI RIFIUTI URBANI: ANALISI E PROPOSTE DI GESTIONE (PROGETTO LIFE REPLACE)” organizzato da ETRA spa e Sintesi srl.

Il Progetto RePlaCe (LIFE 08 ENV/IT/000393) è stato co-finanziato con il bando 2008 del programma LIFE 2007-2013. Il partenariato che ha collaborato alla realizzazione delle attività è lo stesso che porterà avanti le attività del progetto LIFE REPLACE BELT.  L’obiettivo perseguito nel progetto RePlaCe è stato quello di dimostrare come la plastica riciclata rappresenti una reale alternativa a materiali metallici (in particolare alluminio) per molte applicazioni strutturali, essendo caratterizzata da un impatto ambientale decisamente ridotto e da una consistente convenienza economica.


Tale impiego della plastica riciclata rappresenta un’importante innovazione che potrà determinare  un consistente aumento dell’utilizzo dei rifiuti solidi plastici, una diminuzione del loro trattamento in altre forme (ad esempio: stoccaggio, termovalorizzazione, riciclaggio per altre applicazioni) e una diminuzione di materie prime utilizzate. Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.replaceproject.eu/  

 

Etra Spa è una multiutility veneta che gestisce in house per i Comuni soci il servizio idrico integrato e il ciclo dei rifiuti. Etra Spa è partner del progetto “Life Replace Belt” , finanziato dallo strumento LIFE, avente come obiettivo principale la realizzazione di un prototipo di nastro trasportatore realizzato interamente in plastica riciclata. Tra gli obiettivi affidati ad Etra vi è la realizzazione di uno studio sulle potenzialità di valorizzazione della plastica, urbana o assimilata, non da imballaggio (ingombrante/rigida). 

 

In particolare il ruolo di Etra nel progetto RePlaCe è rivolto allo studio della modalità di gestione della plastica non da imballaggio che solitamente viene conferita come rifiuto secco non riciclabile o erroneamente all’interno della frazione di imballaggi in plastica. Lo studio è stato svolto in collaborazione con Sintesi srl.

Lo studio prevede l’analisi della raccolta, del trasporto e degli impianti di trattamento della plastica rigida. L’obiettivo è ricostruire la quantità di rifiuto di plastica non da imballaggio presente nei rifiuti urbani e stabilirne una possibile resa di intercettazione a partire dai dati bibliografici, da analisi merceologiche effettuate ad hoc nel corso dell'indagine e interviste dirette ai produttori, gestori e impianti di recupero della plastica. Il principale risultato di questa mappatura sarà costituito dalla redazione di un piano per la raccolta dei rifiuti in plastica rigida e ingombrante a livello regionale (Veneto) che includerà la valutazione dei livelli di intercettazione e rendimento delle raccolte, la definizione dei costi di raccolta e recupero di tale plastica e dati sui potenziali settori di recupero.

Di seguito il programma dell’evento:

Giovedì 18 maggio ore 09.30-13.00,  Sala Palazzo Rasponi Piano Nobile (1° Piano) presso Palazzo Rasponi dalle Teste Piazza Kennedy 12 Ravenna

“PLASTICA NON DA IMBALLAGGIO NEI RIFIUTI URBANI: ANALISI E PROPOSTE DI GESTIONE (PROGETTO LIFE REPLACE)”

  • Presentazione del  progetto LIFE+ REPLACE BELT – Alessia Zanuso Ethics srl e Lorenzo Consolaro di Vivi s.r.l., Partner di progetto
  • Gestione della plastica non da imballaggio: un contributo all’economia circolare – Alessandra Bonoli, Università degli Studi di Bologna Dipartimento di Ingegneria Civile, Chimica, Ambientale e dei Materiali
  • Plastiche nei rifiuti urbani: un sistema integrato di gestione– ETRA S.p.A.
  • Pianificazione della gestione su vasta scala delle plastiche non da imballaggio contenute nei rifiuti urbani: analisi tecnica ed economica –Sintesi srl
  • Presentazione dello studio Nazionale: “Il riciclo della materie plastiche: fotografia del settore e potenzialità di sviluppo” – Maria Cristina Poggesi, IPPR
  • COREPLA: Modelli di raccolta e avvio a recupero delle plastiche da imballaggio Corepla
  • Selezione e Avvio a riciclo delle plastiche Pietro Spagni, Unionplast

Tavola Rotonda: Organizzazione della raccolta  e destino della plastica non da imballaggio nella gestione del rifiuto urbano

  • APERITIVO  FINALE

 

4 maggio, Torino: Convegno presso A&T OVAL Lingotto

 

A&T, Fiera Internazionale dell’Industria Manifatturiera, si svolgerà a Torino, presso Oval Lingotto, dal 3 al 5 maggio. Nel corso della manifestazione si terranno diverse sessioni di convegni. Il 4 maggio IPPR sarà ospite della sessione dedicata alla certificazioni:

 

Sessione CERTIFICAZIONI - Le certificazioni per l’Economia Circolare, la prevenzione della corruzione e la gestione del credito commerciale: strumenti competitivi per le aziende

 

La sessione è mirata a illustrare lo “stato dell’arte” dei sistemi di gestione certificati ed evidenziare il valore aggiunto da essi offerto alle aziende, in ottica di sviluppo competitivo. Ciò proprio partendo dai nuovi schemi di certificazione, di particolare attualità e rilevanza nel modello di azienda innovativa che deve disporre di strumenti sempre più evoluti per sostenere percorsi efficaci di miglioramento competitivo, non limitato agli ambiti più tradizionali, come quello produttivo.

 

Moderatore: Emanuele Riva

 

Programma

 

14.30 Indirizzi di saluto
Filippo Trifiletti (Direttore Generale ACCREDIA)

14.40 ReMade in Italy e le aziende dell'Economia Circolare
Simona Faccioli (ReMade in Italy)

15.00 Plastica Seconda Vita: il primo marchio dedicato alla plastica riciclata al servizio di aziende, Pubblica Amministrazione, cittadini e ambiente
Maria Cristina Poggesi (Segretario – IPPR Ist. Promozione Plastiche da Riciclo)

15.20 Sistema di gestione per il credito commerciale
Domenico Bracone (Presidente – CO.E.RI.KOSMOS srl)

15.40 Lo Schema internazionale per la protezione dei dati personali ISDP©10003:2015
Riccardo Giannetti (Presidente Inveo)

16.00 Transizione ISO9001:2015 e ISO14001:20015 lo stato dell’arte - Le norme accreditate citate nei CAM (Criteri Ambientali Minimi)
Daniele D’Amino (Funzionario Tecnico – ACCREDIA)

16.15 ISO 37001 – schema di certificazione per la prevenzione della corruzione
Emanuele Riva (Direttore Dip. Certificazione – ACCREDIA)

 

9 maggio 2017: assemblea IPPR

Siamo lieti di invitarVi all’Assemblea Ordinaria di IPPR. Alle 10:30 si terrà la parte privata, riservata ai soli Soci IPPR, mentre alle 11 inizierà la parte aperta al pubblico, con la presentazione dello studio “Il riciclo delle materie plastiche. Fotografia del settore e potenzialità di sviluppo”. Nel pomeriggio dello stesso giorno, a partire dalle 14.00 si terrà il seminario, gratuito e aperto, dal titolo “Il Green Public Procurement alla luce del Codice degli Appalti - Nuove opportunità per i manufatti in plastica da riciclo”.

Programmi e particolari negli inviti di seguito riportati.

 

 

 

 

9 maggio 2017: Seminario su GPP, CAM e Codice Appalti

 

Locandina seminario GPP IPPR 9 maggio 2017

Quali vantaggi e opportunità possono cogliere le aziende del riciclo e della trasformazione delle materie plastiche dal  Green Public Procurement, così come ridisegnato dal Codice Appalti pubblicato un anno fa? E le stazioni appaltanti? Quali sono le politiche di sostenibilità premianti? Quali categorie di acquisto sono coinvolte? E che caratteristiche devono avere gli imballaggi e i manufatti in plastica riciclata per essere conformi ai Criteri Ambientali Minimi?

Queste le domande a cui daremo risposta nel corso del seminario organizzato da IPPR in collaborazione con Punto 3:

 

IL GREEN PUBLIC PROCUREMENT ALLA LUCE DEL CODICE DEGLI APPALTI

Nuove opportunità per i manufatti in plastica da riciclo

 

Martedì 9 maggio 2017, ore 14.00-17.00 Sala Donzelli

Palazzo dei Giureconsulti - Via Mercanti 2, Milano

 

 

Leggi tutto: 9 maggio 2017: Seminario su GPP, CAM e Codice Appalti

COREPLA e Legambiente insieme a convegno: L’Economia Circolare conviene

Corepla e Legambiente organizzano il prossimo 4 aprile 2017 a Roma, presso il Centro Studi Americani, un convegno sul riciclo delle materie plastiche per illustrare i benefici per l’economia e l’ambiente, sottolineando il livello di eccellenza raggiunto dal nostro paese nelle attività industriali e nella ricerca.

L'economia circolare conviene - L'industria del riciclo della plastica

Leggi tutto: COREPLA e Legambiente insieme a convegno: L’Economia Circolare conviene

IPPR alla tavola rotonda sulle certificazioni ambientali di prodotto, l’8 marzo ad Assago

Nell'ambito dell'evento H3I che si terrà a Milano al Centro Congressi di Milanofiori, Punto 3 organizza con GSA media partner la tavola rotonda  "Certificazioni ambientali di prodotto: un'opportunità di mercato?", mercoledì 8 marzo 2017.

Obiettivo della tavola rotonda è analizzare l’esperienza maturata nell’ambito delle certificazioni ambientali dei prodotti per la detergenza domestica e industriale mediante il confronto dei diversi attori della filiera: produttori, distributori, Enti di certificazione e normazione dei marchi ambientali.

http://www.h3i.it/images/h3i_logo-u3146-fr.png?crc=3786569685

Leggi tutto: IPPR alla tavola rotonda sulle certificazioni ambientali di prodotto, l’8 marzo ad Assago